Pagine

Cerca nel blog

YouTube

Loading...

martedì 29 giugno 2010

IL CASO PANTELLINI


Prima che scoppiasse il caso Di Bella, il metodo del Dott. Gianfranco Valsé Pantellini era sicuramente la terapia contro il cancro più usata e più conosciuta in Italia, nel campo della medicina alternativa.
Come la maggior parte delle scoperte scientifiche più importanti, anche questa trae origine da un caso fortuito e da un errore. Nel 1947, il Dott. Pantellini consigliò ad un malato di cancro inoperabile allo stomaco, con prognosi di pochi mesi di vita, di bere limonate con bicarbonato di sodio al fine di calmare i forti dolori. Immaginatevi la sorpresa quando, dopo un anno, lo rivide perfettamente ristabilito (il paziente morì infatti d'infarto vent'anni più tardi). Al momento di esaminare le radiografie, pensò che si trattasse di quelle di un altro.
Cos'era successo ?

KANKROPOLI - LA MAFIA DEL CANCRO - Alberto R. Mondini

Il dossier che ha fatto esplodere il caso DI BELLA

Dedicato a tutti gli esseri pensanti in grado di cercare, testare e documentarsi autonomamente, nella speranza che questa capacità possa trovare risposta da parte dell'utenza; la sola vera possibilità che abbiamo per non morire più di cancro.


giovedì 24 giugno 2010

IL TRADIMENTO DELLA MEDICINA - Alberto R.Mondini - Leggi o Scarica Gratuitamente il Libro

[...]
La medicina è la prima causa di morte in USA.
(Ma anche negli altri paesi occidentali la situazione non è molto diversa)
In verità la situazione è anche peggiore di quanto appare dalla precedente sezione.

Cause Morti

Reazioni da farmaci in ospedale 106.000
Reazioni da farmaci non in ospedale 199.000
Errori medici 98.000
Piaghe da decubito 115.000
Infezioni ospedaliere 88.000
Malnutrizione 108.800
Procedure mediche non necessarie 37.136
Conseguenze da interventi chirurgici 32.000
Totale morti per medicina 783.936
Tab. 2
8
Risulta che ogni anno in USA avvengono in media i seguenti
decessi per le seguenti cause (tab. 2) I dati sono riferiti ampiamente
per difetto.
Facciamo un confronto con altri due dati.
Morti per malattie cardiocircolatorie 699.697
Morti per cancro 553.251
Tab. 3
Il sistema sanitario risulta dunque essere la prima causa di
morte, perfino davanti alle malattie cardiocircolatorie.
Alcune osservazioni su questi dati.
1) I farmaci usati in medicina devono essere testati
“scientificamente” (!) e legalmente autorizzati. Attualmente la
legalizzazione di un farmaco costa almeno € 5.000.000 in test su
animali, esseri umani, ecc... e dura una decina d'anni. Le morti da
reazioni da farmaci qui citate sono da ascriversi ad un uso
“corretto” (non ad errori medici) di farmaci “correttamente” prodotti
e venduti.
2) Le piaghe da decubito si formano in pazienti che non riescono
a muoversi (qualsiasi ne sia la ragione) e sono facilmente evitabili:
basta girare il paziente nel letto ogni tre ore. Se si formano queste
piaghe è solamente a causa della criminale pigrizia del personale
infermieristico, del criminale menefreghismo dei medici che
accettano come normale questa situazione; oppure è dovuto ad una
criminale carenza di personale assolutamente indispensabile.
Si tende a far credere a pazienti e ai loro famigliari che queste
lesioni siano inevitabili; in verità sono dei reati di lesioni gravi
volontarie e spesso omicidi che restano sempre impuniti.
Colgo qui l'occasione per invitare le vittime di queste lesioni o i
loro famigliari a fare denuncia penale contro i malfattori responsabili.
9
3) Qui la voce “malnutrizione” riguarda soprattutto gli istituti di
cura per anziani e malati cronici.
4) Queste morti hanno un costo. Per ammazzare un paziente c'è
“bisogno” di medicamenti, strumenti, stipendi, ecc... Per ammazzare
783.936 persone all'anno, medici, infermieri, multinazionali
farmaceutiche, ospedali, ecc... si fanno pagare (considerando solo ed
esclusivamente le azioni che causano queste morti) 282 miliardi di
dollari (siamo nell'ordine dei 600 trilioni di lire) ogni anno.
5) Questi dati sono, come risulta da ben precise ricerche che
trovate nell'opuscolo citato, ampiamente sottostimati; probabilmente
non sono che la “punta dell'iceberg”. L'ambiente medico ha un clima
omertoso degno di una cosca mafiosa. Ogni medico è consapevole
che questi dati potrebbero [...]

Edocza, cercare facilmente documenti online specificando lingua e formato

Edocza, un apposito motore di ricerca per documenti che, in modo rapido e preciso, consente di ottenere tutto ciò di cui un utente ha bisogno sottoforma di file PDF, doc, excel, PowerPoint (ppt), Flash (swf) e RTF in una moltitudine di lingue differenti.
Il risultato finale sarà dunque un


Firefox 3.6.4 e VLC 1.1 rilasciati ufficialmente: grosse novità per entrambi


L’open source power torna a far sentire il suo “ruggito”. Nei giorni scorsi, sono state infatti rilasciate le nuove versioni Firefox e VLC, due dei software a sorgente aperto più usati e apprezzati al mondo, che si presentano agli utenti con un sostanzioso carico di innovazioni.
Tra le principali novità del neo-rilasciato Firefox 3.6.4, troviamo

SECONDO DISCO DELL' ALBUM Richard Clayderman - LES FEUILLES MORTES (Album 2/3 Original LP 1983)

sabato 19 giugno 2010

IL MITO DEL FUMO “Fumo=cancro” oppure “oncologia=marketing?”

IL MITO DEL FUMO

“Fumo=cancro” oppure “oncologia=marketing?”


Voglio smascherare uno degl’inganni della lobby medico-farmacologica che più di tutti gli altri sembra accettato e dato per scontato perfino dalle menti più informate e smaliziate: il dato che il fumo di tabacco provochi il cancro.
Premetto che io non fumo e che non mi piacciono gli ambienti dove la gente fuma. Inoltre penso che effettivamente esso non faccia per niente bene. Ma da qui ad affermare che sia causa di cancro... be’, c’è una bella differenza!

Le ragioni della medicina, per cui si afferma che in Italia vi siano 20.000 casi di morti all’anno per cancro causato dal fumo o altri “numeri” del genere, si basano esclusivamente su dati statistici: l’80 % dei tumori ai polmoni si riscontra in fumatori o ex fumatori, solo il 20 % in chi non ha mai fumato. Il dato è così netto e schiacciante che sembra non dare adito ad alcun dubbio né ad alcuna possibilità ad ipotesi contrarie. In verità le cose stanno in maniera diversa.

Cominciamo col considerare che un’affermazione basata su dati statistici non è scientifica. Da Galilei in poi si considera dato scientifico qualcosa che sia riproducibile e ripetibile; qualcosa per cui, date determinate condizioni, si ottengono sempre gli stessi risultati. Per esempio è scientifico che lo scorbuto sia dovuto a carenza di vitamina C. Se eliminiamo questa vitamina dall’alimentazione di una persona, presto o tardi essa manifesterà i sintomi dello scorbuto; sempre. E, se a questo punto noi gli somministriamo la vitamina, guarirà; sempre. Questo ci autorizza a dire che lo scorbuto è causato dalla carenza di vitamina C, e possiamo anche aggiungere che questa è una verità scientifica.

Ora risulta evidente dai dati epidemiologici che ci sono moltissimi fumatori che non hanno mai avuto un tumore, come pure ci sono molti non fumatori morti per tumore ai polmoni. Già solo con questo semplicissimo dato possiamo concludere che il fumo da tabacco è, eventualmente, solo un elemento che contribuisce all’insorgenza dei tumori, non la causa. Ma pure così formulata, questa è ancora solo un’ipotesi da verificare. Ecco alcuni dati (ma ce ne sono moltissimi altri) che contraddicono l’atto di fede assoluto dell’oncologia “sigarette=cancro”.

1) La media delle sigarette fumate in Europa per persona all’anno è di

PIERO ANGELA NON DICE LA VERITA' (Video Durata 37:00 min)


In un eccesso forse di disinvoltura, Piero Angela deve essersi dimenticato che l'era in cui si poteva andare in TV a raccontare impunemente le bugie è finita. Nella puntata del 30 luglio di Superquark, infatti, Angela ha infilato una collana di falsità talmente grossolane da poter essere sbugiardate – come vedremo – con facilità estrema da chiunque.

Non contento, Angela ha condito la sua puntata, dedicata alle "Teorie del complotto", con il più ritrito e bieco arsenale del debunking internazionale, rendendola

LA MEDICINA PUO' ESSERE CAUSA DI MORTE?